Piano con le offese…

Dialogo tra due uomini seduti al tavolino accanto al mio al bar:

– Ieri sono andato dall’oculista. La prima volta in vita mia! No, non è vero, la prima volta è stata per la visita della patente, ma proprio dall’oculista la prima volta è stata ieri. Sono andato perché sentivo un fastidio qui, a quest’occhio. E niente, aveva tutte delle sue macchine strane e… mi ha trovato un difetto.

Ha pronunciato la parola “difetto” con l’indignazione di chi ha appena ricevuto un affronto. Poi ha proseguito:

– Sì, ha detto che ho un difetto: sono astigmatico. Ti rendi conto? Sono arrivato a quarant’anni senza che nessuno me lo avesse mai detto! Adesso arriva lui e mi dice che sono astigmatico! –

– Be’ – ha ribattuto l’amico – Nessuno te lo ha mai detto perché finora non eri mai stato a una visita oculistica. –

– Ok, questo è vero. Ma comunque io non ero andato lì per vedere se ero astigmatico, ma solo per questo fastidio all’occhio. Non c’entrava proprio che lui dovesse andare a vedere se sono astigmatico, sono fatti miei, ok? Che poi sai cos’è l’astigmatismo? È che non vedi da lontano le cose piccole. Cioè io sapevo che uno si mette gli occhiali perché non vede le cose da vicino. [No, amico mio, – chiosavo io nel frattempo dentro me – una per esempio si mette gli occhiali quando non vede niente da lontano e rischia di scambiare il proprio fidanzato con un rispettabile signore sconosciuto, al quale pertanto correrà incontro a occhi chiusi dalla gioia, gli salterà al collo, gli si avvinghierà al corpo, appiccicherà freneticamente le sue labbra contro le sue, e solo allora si renderà conto che la miopia le ha giocato un brutto scherzo. E a quel punto, dopo tante avvisaglie precedentemente trascurate, si deciderà ad andare dall’oculista e a mettersi quel paio di occhiali. E da allora poi sarà così più felice la sua vita? Ok, abbraccerà sempre la persona giusta e non rischierà più di salire sull’autobus sbagliato, ma chissà se così è più quel che guadagna o quel che perde…] Poi – proseguiva il tipo, accalorandosi sempre più – capisco se non vedi le cose grandi da lontano. Ma chi se ne frega se non riesco a vedere un moscerino a un chilometro di distanza? –

– Ok, calmati. Non sei mica obbligato… –

– Certo che no! Astigmatico, figurati! Be’, comunque poi per quel fastidio che avevo, ha detto che sì, nell’occhio c’è qualcosa che sporge. –

– Ma… come, qualcosa che sporge? Cos’è? Qualcosa… di che tipo?! –

– Non so, devo fare degli accertamenti, vediamo, intanto mi ha dato una roba da prendere. –

– Ma tu… te la prendi tanto per l’astigmatismo e non sei preoccupato per questa cosa sporgente? –

– Senti, non posso offendermi per una cosa vera. Per quella faremo gli esami e le terapie. Ma per l’astigmatismo… cazzo, io so che ci vedo benissimo, a me “astigmatico” non lo ha mai detto nessuno, ok? –.

Ecco. Io amo il mondo. Anche e proprio per dialoghi come questi. So che anche a ottant’anni non smetterò mai di restare profondamente affascinata dalla incredibile varietà di opinioni, sensibilità e suscettibilità di noi esseri umani. Sette miliardi di teste pensanti… e ognuna pensa, sente e si offende a modo suo!

Annunci

10 commenti on “Piano con le offese…”

  1. rossana ha detto:

    Oddio, sul “pensanti” ho vari dubbi.
    Il dialogo riportato è però certo un esempio di come ogni testa interpreti l’esistenza a modo suo.
    E questa, alla fine, è la sintesi di Lila, il gioco degli dei.(induisti, va da sé).
    Il quarantenne ossefo dalla diagnosi in questione, lo trovo cmq spassosissimo.

    Mi piace

    • Ilaria ha detto:

      Esatto, ognuno interpreta la propria esistenza a modo suo. Da qui – per come la vedo io – la necessità di accostarci con rispetto agli altri anche quando di primo acchito ci sembrano dei cretini.

      Mi piace

  2. M.T. ha detto:

    Mi sa che l’uomo, oltre a una comomilla, dovrebbe prendersi anche un dizionario e vedere il significato di astigmatismo, che non è miopia.

    Mi piace

  3. Jenisha ha detto:

    E se gli diceva veramente una parolaccia povero che faceva?:-) ahahha

    Mi piace

  4. paolo f ha detto:

    Io ho collezionato visite dall’oculista, in media ogni due anni, anche solo per l’intorbidimento del “vitreo”, i liquido interno dove vedo galleggiare delle impurità.
    Ma niente da fare: l’intorbidimento me lo devo tenere, anche se è un po’ precoce, data l’età. Quindi, non preoccuparti se talvolta noti in me uno sguardo “torbido”…;-)

    Mi piace

  5. ioviracconto ha detto:

    Mi hai fatto tornare alla mente quel che toccò a mio zio, nel 1969, quando si mise a parlare con un contadino dell’imminente sbarco degli americani sulla luna. il villicò si arrabbiò molto – poco mancò che passasse a vie di fatto- perché secondo lui, visto che la luna “7 giorni cresce e 7 giorni cala”, era impossibile andarci.
    .-)

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...