L’uragano Ilaria

Ebbene, lo ammetto pubblicamente: io sono una persona equilibrata, solitamente calma, più razionale che emotiva, per farmi arrabbiare bisogna mettercisi d’impegno ed è difficile che ci si riesca e così via. Capìto il tipo. Però… ragazzi, ci sono dei momenti in cui veramente mi parte la bussola, è come se mi si rompesse una vena nella testa, mi trasformo in un’altra persona: mi arrabbio. Ma non è che mi arrabbio quando devo arrabbiarmi, no! Se mi arrabbio, lo faccio e basta. Esplodo, e non c’è niente da fare, bisogna lasciare passare la bufera. Che in genere, massimo due ore, passa, e dopo cinque minuti che è passata, per me è finito tutto, anzi non è mai successo niente:

«Io e te abbiamo litigato? Davvero? Come dici? Sembravo l’incredibile Hulk? Ma va là, è impossibile», esclama la sottoscritta con viso angelico.
«E allora com’è che hai il lato della mano destra completamente viola, gonfio e dolorante?», risponde il malcapitato travolto dalla mia recente ira.
«Ops, sì, è vero, ho sferrato un pugno micidiale contro il tavolo. Lo ammetto, mi sono arrabbiata. Ma non mi ricordo perché!!!».

Ma dico io, che senso ha arrabbiarsi tanto se poi non ci si ricorda neanche il perché?!
Per fortuna è un fenomeno sul tipo degli uragani che una o due volte l’anno si abbattono sul centro-America, cioè non succede spesso, ma quando succede, si salvi chi può.

(Che poi, arrabbiarsi, stanca tantissimo, peggio della maratona di New York).

Annunci

10 commenti on “L’uragano Ilaria”

  1. kittymol77 ha detto:

    ah ah ah…l’angelo sterminatore? però la mano no, dai…poi il tavolo resta ammaccato e non è bello da vedere. Meglio il muro, regge meglio e in caso di tracce postume lo puoi sempre decorare con un murales dell’Eden o un frattale…

    Mi piace

  2. Masso57 ha detto:

    Non ti preoccupare, succede a quelli che si arrabbiano una volta l’anno: non sono (siamo?) abituati, e quando succede sbroccano (sbrocchiamo?).
    Quelli in..zzati di professione, invece, sono sempre pronti e la cosa non li tange più di tanto, è il loro habitat naturale…… 

    Mi piace

  3. GisyScerman ha detto:

    Sol che non diventiun’abitudine ! 🙂
    ma poi del resto
    C’era qualcuno che scriveva 
    che un uomo che non perde la ragione per certe cose, non ha un ragione da perdere !

    Lessing…

    quindi se non è la regola, tutta salute !

    Mi piace

  4. ferrucci ha detto:

    L’importante è che non sei più arrabbiata, Ilarietta. Che dici se domani vengo a prendere il tè, così mi racconti cos’è successo?

    Mi piace

  5. latendarossa ha detto:

    Perché fai male: se ho ben capito, incassi, incassi, sopporti, sopporti, e poi ti arrabbi tutto in una volta. Ti fa male. Arrabbiati a piccole dosi e piano con la manina.

    Mi piace

  6. flalia ha detto:

    Kittymol: dici? Finora di ammaccato c’è sempre stata solo la mia mano!

    Masso: oh, mi capisci! Infatti anch’io mi dico sempre che in fondo è meglio essere sempre sereni e sbroccare ogni tanto quei cinque minuti, anziché vivere perennemente incavolati – benché in sordina – col mondo!

    Gisy: no, tranquilla, non è un’abitudine ma un sano sfogo episodico…

    Paolo: ma certo, "vieni a prendere un tè al Caffè de la Paix" (retrouvée)

    Marcello: no, non sono quel tipo "introverso" lì, sono più come dice Masso: sono serena e tranquilla, ma ogni tanto mi arrivano i cinque minuti di "sbarellamento", anche senza un gran motivo, e poi ritorno la solita allegra 

    Mi piace

  7. utente anonimo ha detto:

    Ciao Ilaria,

    ho letto il tuo commento sul post Fallimenti sul nostro blog; siccome sto facendo anch’io riflessioni simili alle tue in questo periodo sullo stesso argomento…, avrei voluto scriverti di persona! Non ho trovato nessuna mail qui da te e così ti lascio la mia angela.bell@tiscali.it; se mi mandi la tua, provo a scriverti che cosa ho pensato io…
    ps. anche io ho dei moti di rabbia molto forti… che poi sbolliscono in poco tempo; ma ti assicuro che è meglio così, del rancoroso continuo per giorni! Meglio dire chiare le cose e una volta dette, non portare rabbia o risentimento per sempre…
    Angela

    Mi piace

  8. melchisedec ha detto:

    Eppure non riesco a immaginare Flalia sotto aspetto di vento forte che soffia e scoperchia tetti, sradica alberi, sommerge imbarcazioni.
    E’ vero, si soffre. Dopo.

    Mi piace

  9. autobiogrquanto ha detto:

    Non riesco ad arrabbiarmi con persone nel senso che dici tu di avere reazioni violente e improvvise. Sono portato a giustificare, comprendere e se non è possibile mi rifugio nell’indifferenza.
    Altro è l’incazzatura di fondo che mi prende di fronte all’ingiustizia, alla stupidità diffusa e all’uso opportunistico dei privilegi. Lì, a volte, mi va il sangue agli occhi, ma solitamente devo misurarmi con l’impotenza a reagire, il che aumenta la rabbia di fondo.
    Ciao

    Mi piace

  10. flalia ha detto:

    Angela: fatto! 🙂

    Mel: eh eh, eppure sono anche questo! ;-))

    Angelo: quel tipo di rabbia impotente è quella che fa più male… ma a volte dà la spinta ad agire, anche se nel nostro piccolo…

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...