Amica neve

Sono felice perché è arrivata, puntuale, la prima neve di stagione: è da ieri sera che nevica ininterrottamente ed è stato bellissimo al risveglio vedere attraverso la finestra il mondo di sempre tutto bianco. Poi, col proseguire della stagione, al vedere la neve di solito non si sarà molto contenti, perché in città rallenta il traffico, è difficile spostarsi e, dopo le nevicate, ti ritrovi per giorni e giorni cumuli di ghiaccio sporco ai bordi delle strade. Ma non puoi essere seccato il giorno della prima neve di stagione, quella che cominci ad attendere tra fine novembre e inizio dicembre, e che ti dà l’idea che il signor Inverno sta arrivando e con lui il Natale e le giornate sempre più corte, le dolci serate passate nel calduccio di casa. Evviva! Benvenuta, amica Neve!

Ragazzi/e, non c’entra niente con la poesia della neve, però sapete, sono rimasta turbata dal fatto che in Italia (e sicuramente nel mondo, perché queste cose non succederanno solo da noi) esistano queste migliaia di frustrati, questo esercito di sfigati – diciamolo pure – che, non appena succede un fatto, magari esecrabile tipo quello di ieri contro Berlu, cosa fa? Crea un gruppo su Facebook! Migliaia di persone (che vorrei definire imbecilli, ma non vorrei sembrare troppo violenta), non dieci o dodici, che inneggiano pro o contro questo o quello. È la cifra, che mi manda in tilt. E non è con facebook che me la prendo; è che magari prima questi cretinetti non avevano visibilità, ora ce l’hanno, lì chiusi nelle loro stanzette a pigiare vaneggiamenti sulle loro inutili tastiere.

Annunci

8 commenti on “Amica neve”

  1. commediorafo ha detto:

    La giornatasettimana era cominciata schifosamente, ma leggere te (proprio te!) che amichevolmente ti riferisci al Premier chiamandolo Berlu mi ha dato l’allegria sufficiente per andare avanti fino ai primi di febbraio 2010! 
    Un saluto!
    Massimo

    Mi piace

  2. flalia ha detto:

    Rossana: sì, però non so quanto sia valida espressione di sé divertirsi ad aderire a gruppi dal titolo tipo "uccidiamo questo", "bravo quell’altro" eccetera (perdendo intanto tempo dietro uno schermo). Lo trovo così inutile che mi sembra piuttosto uno spreco di sé, e comunque nel clima violento (anche tra persone comuni) che viviamo non posso concordare con questi toni… poi il mio non è spirito di censura ma semplice stupore boh, non capisco il meccanismo per cui uno deve vomitare il proprio odio goliardico su facebook e… mi dispiaccio! 🙂

    Massimo: eh eh, meno male, sono lusingata 😉 Del resto tendo a dare soprannomi e diminutivi a chiunque mi circondi, quindi neanche Berlu è potuto sfuggire a questa mia incontrollabile tendenza 🙂

    Mi piace

  3. latendarossa ha detto:

    Purtroppo è una logica che ha preso piede, quella del "o sei con me o sei contro di me". Questa voglia di prendere partito su ogni cosa tra l’altro di norma è inversamente proporzionale al fare concretamente qualcosa nella vita reale (tutti rivoluzionari sul web).
    E va beh…
    Mi domando cosa significhi svegliarsi e trovare il mondo bianco, con la neve. Qua non nevica mai, proprio mai. Dev’essere bellissimo, però.

    Mi piace

  4. melchisedec ha detto:

    FB potenzia la deficienza congenita e culturale, a mio parere.
    Deplorevole!

    Mi piace

  5. flalia ha detto:

    Massimo: be’, un soprannome ancora no, ma un diminutivo sì, "Massi" (Max non mi piace). Eh eh, vedremo in futuro come ti chiamerò 😉 Tra i più bersagliati c’è comunque la mia povera sorella Linda… Addirittura c’è stato un periodo in cui la chiamavo Schvrènz (non ricordo più neanche perché), poi Gongu e ora Ciciu… tutti soprannomi che lei odia e che, sentendoli dire da me, i nostri amici in comune hanno sempre cominciato a usare… pensa che suo marito mi ha detto che ogni tanto anche lui la chiama Ciciu e lei si arrabbia, dicendo: "Solo mia sorella può chiamarmi così!"

    Marcello: eh sì, intendevo quello, facile dire "abbasso il tale" o "viva quell’altro" senza muovere le chiappe dalla sedia 🙂 Che peccato che non hai mai la neve lì, sai che nella mia profonda ignoranza pensavo che almeno una spolveratina ogni tanto ci fosse anche da te? 🙂

    Melchisedec: diciamo che se ne potrebbe traquillamente fare a meno 😉

    Mi piace

  6. commediorafo ha detto:

    Massi mi ricorda la mia infanzia e va benissimo!
    Però io firmo…
    …Max

    Mi piace

  7. latendarossa ha detto:

    Nell’interno sì, ma io sono costiero

    Mi piace

  8. flalia ha detto:

    Massimo: bene, allora anche il tuo destino è quello di essere chiamato in modi diversi a seconda dell’interlocutore: io vado da Ila a Ilor (ogni riferimento alla fu tassa è rigorosamente casuale ), passando per Illa, Ilina e qualunque altra storpiatura 😉

    Marcello: ah, ecco… salvata in corner 😉

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...