Il punto della situazione

Che giorni intensi sono stati questi ultimi per me!

Tralasciando le cose più tragiche e realmente serie, ecco un piccolo resoconto.

  • per cercare di placare lo stress che mi stava letteralmente torcendo le budella (scusate la raffinatezza), ci sono ricascata: mi sono recata in erboristeria e ne sono uscita con un boccettino di “erbe della notte”, un mix di sette erbe calmanti (biancospino, valeriana, escolzia – questa mai sentita – e altre). Aggiunte alla camomilla serale e all’ascolto compulsivo di Mozart (che sembra avere poteri rilassanti, calmanti e nel contempo stimolanti l’intelligenza), il risultato è stato che alla fine ero così rilassata da sfiorare l’intontimento spinto. Non riuscivo più a studiare e rischiavo di addormentarmi sul testo che dovevo adattare…
  • Un altro efficace metodo anti-stress (e senza effetti collaterali) è la lettura dei Peanuts. Sto acquistando, man mano che escono, i volumi della raccolta definitiva delle storie dei Peanuts (contengono tutte le strisce dalla prima uscita – nel 1950 – all’ultima). Ve la consiglio, è un’edizione un po’ costosa ma curatissima – sia a livello grafico che di contenuti (c’è un apparato redazionale molto ricco) – curata da Seth (un fumettista americano che amo molto e la cui poetica è in piena linea con Charlie Brown & C., pur proponendo storie diverse). L’edizione italiana è la riproposizione fedele in tutto e per tutto (anche nel formato) dell’edizione americana. È davvero bello leggerli in ordine cronologico perché permette di seguire i personaggi dalla loro nascita, a volte restandone stupiti: Lucy, per esempio, da piccola mi è simpaticissima mentre “da grande” è effettivamente un po’ troppo autoritaria, scorbutica e pignola… Tutti i personaggi hanno subìto delle evoluzioni nel corso dei 50 anni ed è proprio coinvolgente poterli seguire passo passo!
  • Alle ore 4,30 del mattino, nella notte tra mercoledì e giovedì, ho capito Il disagio della civiltà di Freud (che fino a poche ore prima mi risultava incomprensibile in tutta la seconda parte). Ciò mi è servito per l’esame del giorno dopo ma forse era meglio se continuavo a non capirlo.
  • Ieri, mentre cercavo di passeggiare assieme a un amico sotto la pioggia in stile autunnale che ci allieta nelle ultime settimane, ho capito che io, le cose che mi succedono, ho proprio tanto bisogno di raccontarle, ma non è sempre facile trovare qualcuno che sia interessato ad ascoltarle (ecco perché ho un blog, ha detto lui)
  • Nei giorni scorsi ho anche conosciuto due persone molto simpatiche e ho avuto un brutto litigio con l’amico di cui sopra. Litigare è una cosa che mi capita molto raramente, ma sapete una cosa? Fare la pace, dopo, è stupendo! Ogni tanto un litigio ci vuole proprio!
  • E infine, gli Europei. Non per fare la disfattista, ma vi confesso che, da anni, ho un debole per l’Olanda (intesa come squadra di calcio), mi piace come gioca. I goal di ieri contro la Francia sono stati bellissimi! Che partita (soprattutto dopo quella “palla” di Italia-Romania)! Ho un unico appunto da fare a quella squadra: ma come si fa a mettere quei calzettoni azzurrini con una maglia arancione?! È un accostamento inguardabile!! Chi è il sarto che li manda in campo conciati in quel modo?? A parte questo, martedì ci sarà da divertirsi (speriamo) e invidio un po’ mia sorella che sarà a Napoli, dove sanno come festeggiare (o disperarsi) per queste cose (era lì anche durante i mondiali di due anni fa…).
Annunci

14 commenti on “Il punto della situazione”

  1. melchisedec ha detto:

    Leggo divertito, ma proprio intensi intensi! Poi ti riveli focosa nel culto dei tuoi ideali e nella cura di ciò che ti gusta.
    Buona domenica! 🙂

    Mi piace

  2. latendarossa ha detto:

    Cara Flalia, appunto, diceva qualcuno che la cosa più bella dei litigi è quando poi si fa la pace. Mi ha fatto sorridere quello che dici sulle “erbe della notte”, più camomilla serale più ascolto compulsivo di Mozart. Col rischio di addormentarsi quando non occorre eheh. Bastava prendessi un libro di Alberoni, il sonno ti cascava addosso in un attimo, altro che. Buona domenica 🙂

    Mi piace

  3. Lockwood ha detto:

    Visto che virtualmente intendendo credo di conoscerti un po’, per replicare senza autorizzazione al tuo quarto punto, secondo me è vero che tu sei alla ricerca di qualcuno che sia interessato ad ascoltare tutti i tuoi pallosi (!)discorsi su qualsiasi palloso argomento ti passi per la testa. Ed è anche vero – questo secondo me – che sei piuttosto finta, cioè tendi a voler far credere che vada tutto bene anche quando le cose non vanno così, cerchi di camuffare insomma, se non storpiare la verità. Poi hai una zavorra di pregiudizi – sempre secondo me – che ti impedisce di volare, magari con ali “dorate”.
    Per avviarsi alla conclusione, anche uno psicanalista freUdiano potrebbe esserti utile come ascoltatore, ma già il blog – come riferisci – può esserlo in parte, con tutti i rinforzi che ti da semigratuitamente. E per finire, da parecchio tempo a questa parte sto conducendo uno studio dist accato sull’altro mistero dell’universo: quante di loro [delle donne] non rientrano nella quadruplice categoria di bambine lagnose, bisognose, egocentriche, un po’ (tanto) stronze?

    «Datemi la verità, invece che amore, denaro o fama.»

    Mi piace

  4. flalia ha detto:

    Ciao Mel, buona domenica a te. Anche a me piace la “focosità” che trovo spesso nei tuoi post! 🙂

    Marcello: Alberoni? Ci proverò la prossima volta che avrò problemi d’insonnia! :-))

    Lockwood: be’, per fortuna mia e forse sfortuna sua/loro l’ho trovato, qualcuno che mi ascolta, e infatti scrivo meno sul blog… :-))

    Mi piace

  5. commediorafo ha detto:

    Italia Romania è stata tutt’altro che una palla! E poi, se non lo sai, i colori della divisa dell’Olanda richiamano la loro bandiera!
    Basta, mi fermo qui… Ho provato a iniziare a litigare con te, ma non ci riesco!
    Un bacione.
    Massimo

    Mi piace

  6. flalia ha detto:

    Massimo: eh eh, ti prometto che domani sera sarò davanti alla tv a fare un tifo sfegatato per l’Italia!! ;-))

    Mi piace

  7. flaviablog ha detto:

    Beh…le erbe della notte a volte le assumo, in gocce, anch’io, ma mi scivolano via come acqua fresca…mi piace l’illuminazione freudiana notturna (alle 4.30 di botto?!) e anch’io nonostante l’età non più verde ho bisogno di raccontare gli affari miei ( penso sia questione di carattere). Intorno al calcio però non metto lingua…quest’anno non avevo voglia di seguire i campionati ( e sono ignorante in materia…).

    Mi piace

  8. Jedredd ha detto:

    I Peanuts! …non sono mai riuscito a seguire un filo conduttore, mi piacevano tanto, ma non si trovavano facilmente le strisce, figurati poi, in ordine cronologico… Dove le trovi? Vorrei tanto leggerle a mio nipotino, oltre che, visto che non ho potuto da piccolo, a me stesso.. 😉

    Mi piace

  9. flalia ha detto:

    Flavia: per quel che mi riguarda, finora l’unico vero, reale e infallibile metodo di rilassamento e benessere totale è l’abbraccio lungo e prolungato di un altro essere umano… tutto il resto sono inutili palliativi (oggi mi sento molto estremista)! 😉

    Jedredd: Jedredd, dei Peanuts potrei parlare per ore! Tra l’altro rileggerli proprio mentre preparavo un esame di psicologia è stato incredibile: in pratica trovavo applicati nel fumetto i concetti che studiavo nel manuale (ringrazio Schulz per il 30 e lode, a questo punto); voglio dire che era davvero un conoscitore dei meccanismi psicologici infantili e non solo (Charlie Brown è un “bambino adulto”!). Di edizioni ne trovi quante vuoi in libreria: dalle più economiche alle più raffinate (quella che sto acquistando io s’intitola “The complete Peanuts”, esce in più volumi ed è pubblicata da Panini Comics). Ti ci vedrei bene a leggerli col tuo nipotino! 🙂

    Mi piace

  10. flaviablog ha detto:

    Hai ragione.

    Mi piace

  11. Jedredd ha detto:

    I volumi, nelle librerie on-line che uso di solito, non sono completi, alcuni sono di difficile reperibilità, altri non disponibili, peccato… beh, dovrò tentarmi un giro nelle vecchie librerie del centro, non voglio avere una serie con numeri mancanti. Ti faccio sapere.
    Un bacio:-)

    Mi piace

  12. cappelliavolute ha detto:

    Oh, non ci posso credere! Ma lo sai che anch’io, sin dalla prima partita, mi ero ripromessa di tifare per l’Olanda?! Che peccato che la Turchia abbia giocato così bene… Ora mi resta solo l’Italia… =D

    Mi piace

  13. flalia ha detto:

    Jedredd: be’, comunque si possono leggere anche autonomamente (anche se averli tutti in ordine cronologico è il massimo)…

    CaV: ehm… ora non ci resta più nemmeno quella…:-D E vabbe’… 😉

    Mi piace

  14. cappelliavolute ha detto:

    Ahaha… e adesso chi ci troviamo?! Dovremo adottarne una nuova!!

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...