Second life [Così è se vi pare]

Non so perché questa ragazza si sia convinta che io lavoro da Feltrinelli. So solo che ogni volta che mi vede per strada mi ferma, mi saluta e mi dice che qualche giorno prima è passata da Feltrinelli e ha chiesto di me ma io non c’ero.
– Ma che turni fai? Non riesco mai a beccarti! –
– Guarda che non lavoro da Feltrinelli – dico io, paziente – In realtà mi ci puoi trovare spesso, ma come viandante tra un reparto e l’altro, a volte come cliente… –
Mi sembra un discorso chiaro. Tuttavia potete star certi che, passato qualche giorno, per strada mi sentirò salutare, mi fermerò e mi sentirò dire:
– L’altro giorno ho chiesto di te da Feltrinelli ma non c’eri! -.

Il risultato è che entro meno spesso da Feltrinelli e, quando accade, mi ci inoltro con fare guardingo.
Inoltre, i casi sono due: o sono matta io o è matta lei. Oppure ho una seconda vita e non lo so.

Annunci

16 commenti on “Second life [Così è se vi pare]”

  1. latendarossa ha detto:

    Mm hai dato un’occhiata alle commesse della Feltrinelli? E’ probabile che ci sia una ragazza che ti somiglia, sai a volte basta anche qualche elemento di somiglianza, che so, stesso taglio di capelli, modello di occhiali, colore degli occhi, ecc.

    Mi piace

  2. lefty333boy ha detto:

    – L’altro giorno ho chiesto di te da Feltrinelli ma non c’eri! -.

    AHAHAHA

    è meraviglioso !!!
    forse è una matta
    ma il post è simpaticcissimo

    Mi piace

  3. flalia ha detto:

    Marcello: il fatto è che questa ragazza non mi conosce solo di vista… non è un’amica, ma una conoscente sì. Non può scambiarmi per qualcun’altra!!! Forse ha la memoria molto corta… Boh!

    Lefty: ciao, benvenuto! 🙂
    In effetti è una situazione piuttosto ridicola… 😀

    Mi piace

  4. lefty333boy ha detto:

    mi hai fatto ridere 🙂

    Mi piace

  5. flalia ha detto:

    Lefty: meno male! 🙂
    Anche tu spesso mi fai ridere, soprattutto nei commenti su ibrid@menti 😉
    Buonanotte

    Mi piace

  6. utente anonimo ha detto:

    Sono d’accordissimo con te, sul fatto che chi scrive non vuole vivere, almeno non sempre, le sue fantasie. Altrimenti dovrei preoccuoparmi molto anche io del mio stato mentale.
    Essere diversa dalla massa va benissimo, ma l’impressione che mi ha dato in quella intervista è che fosse volutamente eccessivo il suo essere diversa dalla massa.
    Ho la strana capacità di notare la personalità delle persone da piccoli gesti. E alcuni dei suoi mi davano l’impressione che qualcuno dietro le ricordasse come stare a sedere. Poi sono certa che il mondo, molto diverso dal mio, in cui è cresciuta e vive l’abbia aiutata ad avere il carattere che ha.
    Se vale, se davvero è brava a scrivere, se ha talento, lo scopriremo solo poi. Alla pubblicazione del prossimo.

    Mi piace

  7. commediorafo ha detto:

    Una volta ero nella mia libreria preferita e una signora non riusciva a trovare un dramma di Pirandello perchè lo stava cercando nella sezione di narrativa. Le ho fatto presente che le opere teatrali di Pirandello sno nella sezione dedicata al teatro. Forse mi ha scambiato per un commesso.
    Magari ti è successo qualcosa di simile.
    Massimo

    Mi piace

  8. flalia ha detto:

    Nuvoleblu: sono d’accordo con te. Anch’io ho notato quelle occhiate che dici, ma appunto, ha solo 14 anni, sarà matura per tante cose ma ancora infantile per altre, come anche una certa altezzosità, normale per quell’età. Poi, il suo romanzone “rosa” di certo non lo leggerò perché non è il mio genere… 😉 Vedremo in futuro! Ciao 🙂

    Massimo: no… non l’ho mai incontrata da Feltrinelli; è una vicina di casa, una persona che mi conosce personalmente, mi telefona anche a casa, sa chi sono e non può confondermi con qualcun’altra… Inoltre, se anche fosse come dici tu… se le dico ogni volta che NON lavoro lì… dovrebbe capirlo, no? ;-))

    Mi piace

  9. caterinapin ha detto:

    Sai che ogni bolta che ci vado ti cerco anch’io, ma non ci sei mai……!
    :))))))))))))))))
    La prossima volta, dille che ti sei licenziata così si rassegnerà, a mali estremi…

    Certo che certa gente è proprio strana forte, eh?
    Coraggio
    😉

    Mi piace

  10. babilonia61 ha detto:

    Ho letto la tua intervista su LauraetLory, complimenti per le risposte.

    Felicità

    Rino.

    Mi piace

  11. flalia ha detto:

    Cate: boh, roverò col licenziamento… ma credo che ormai nella sua testa ci sia questa idea che lavoro lì e probabilmente deve restarle questa convinzione… (be’, tra l’altro non mi dispiacerebbe neanche lavorare lì!)… un bacio 🙂

    Rino: grazie, caro Rino 🙂

    Mi piace

  12. undercoverman ha detto:

    Clicco sul tuo link, o meglio su quello che mi porterà al tuo spazio virtuale, e guardando i tasti della mia tastiera, aspetto che la pagina si carichi. Alzo gli occhi e trovo il tuo volto. Devo aver sbagliato qualcosa, ho cliccato dove non dovevo, non sono stato attento, … ti guardo e mi sento fuori luogo, come se fossi entrato in una stanza senza chiedere permesso, come se avessi disturbato, come se ti avessi rubato qualcosa. Allora penso di uscire in punta di piedi, magari non ti sei accorta che sono passato di qui, come ogni sera, e proverò a tornare quando sarò pronto ad incontrare il tuo volto. Ma ormai, sono qui, e provo ad intavolare un discorso, che in questo luogo si chiama “commento”. Penso ai fumetti giapponesi e a come ti possano suggerire degli incubi, penso al portavoce ufficiale dei tuoi pretendenti e a quella ragazza che ti vorrebbe dipendente di Feltrinelli, penso all’immagine che avevo di te, al tuo essere sempre positiva, e …
    Lascio questo luogo, portando via con me la tua immagine, quel tuo volto, che mi apparirà ogni volta che leggerò un tuo scritto, quel sorriso e quei lineamenti così simili al tuo essere, … “Sorpresa!” hai scritto …
    … penso alla fisiognomica, confermando il mio essere banale…
    Ciao Ilaria, buona notte.

    Mi piace

  13. flalia ha detto:

    Caro Under, ho esitato molto a pubblicare la mia foto (credevo non l’avrei mai fatto) perché la considero una cosa che può essere letta in modo positivo ma anche essere considerata una “violenza”, perché entrare in un blog e trovare lì un volto, dove finora lo si è solo immaginato, può dare sgomento. E inoltre ho sempre pensato che il blog non deve essere “fisico”.
    Ma di fronte alla richiesta delle amiche Laura e Lory ci ho pensato e mi è sembrato che presentare il mio viso sia in qualche modo coerente con il mio blog anche se di sicuro mi ha messo un po’ in imbarazzo…
    Grazie perché col tuo commento mi hai dato l’occasione di spiegare… non sei mai banale, Under. Buonanotte e anche quando passi silenzioso ricorda che sei sempre il benvenuto 🙂

    Mi piace

  14. soffiodimaggio ha detto:

    Post molto divertente.
    Ma davvero non lavori alla Feltrinelli? Perche’ mi sembrava di averti visto: eri quella che svolazzava di scaffale in scaffale, lasciando una scia di glitter e profumo di zucchero filato… 🙂

    Mi piace

  15. flalia ha detto:

    Soffio: a questo punto, tenterò di farmi assumere! 😉

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...