Ma perché?

[Da leggersi con un sorriso: i problemi seri sono altri]

In questo periodo guardo pochissima televisione (non per snobismo ma per mancanza di tempo). La accendo regolarmente per seguire il telegiornale, all’ora di pranzo e di cena, quindi oltre al tg vedo la pubblicità che lo precede. Ed è da qualche giorno che prima del tg Uno appare lo spot di un misterioso programma che sarà trasmesso prossimamente, in cui si vede il signor Funari che imita da par suo (…) una meravigliosa scena di uno dei film cari al mio cuore: Amarcord. C’è pure la musica del film, in sottofondo. E Funari che su un albero sbraita Voglio Rai uno!

Ma perché tale scempio? Ma cosa c’entra con Funari? Ma cos’è? Ma cosa mi significa? Ma che motivo c’è? Ma con tutte le scene di tutti i film che poteva andare a pescare, proprio quella? E poi non serve a niente, non dice nulla sul programma in questione… (in più mi è giunta voce che la medesima scena è già stata profanata dalla signorina Jo Squillo nel corso di un reality agreste).

Già devo sopportare di sentire alcune musiche meravigliose (tipo I want a little sugar in my bowl di Nina Simone) sprecate nelle varie pubblicità. Già devo vedere cose ridicole come casalinghe apparentemente ossessionate dalle pulizie di casa che accaparrano il super prodotto iperigienizzante come fosse l’unica ragione di vita e poi lo usano su superfici o fornelli o sanitari che da decenni nessuno ha pulito (ma chi è che, per quanto poco incline alle pulizie domestiche, ha in casa delle piastrelle così schifosamente incrostate, per dire?); per non parlare delle solite fantasiose réclames di assorbenti o antidiarroici a un’ora non appropriata… Adesso pure Funari che mi distrugge Fellini no… Com’è che diceva Camus? Uno sopporta sopporta, ma a un certo punto arriva a un punto oltre il quale proprio non può andare e allora dice No. Solo che nel mio caso la mia rivolta finisce qui, nelle poche righe di un post domenicale…

Annunci

22 commenti on “Ma perché?”

  1. melchisedec ha detto:

    Sarà un’ennesima trovata di banalizzazione, spero sia un flop.
    Almeno tu egui i tg… io neppure questi, se non raramente.
    🙂

    Mi piace

  2. agomast ha detto:

    Vediamo il lato positivo delle cose.
    A volte le pubblicita’ hanno il merio di mantenere viva la memoria di opere che altrimenti rischierebbero di scomparire dall’archivio dei ricordi e del tesoro dell’umanita’.
    Non tutti sempre hanno voglia e tempo di ripassarsi la storia delle arti musicali, visive, cinematografiche, letterarie ecc ecc…
    Ecco che a causa di una pobblicita’ di biscoti si ascolta un refrain dei Beach Boys tratto da uno dei dischi meno conosciuti e forse il piu’ importante della storia dl rock,Pet Sound. Ascoltando il rirtornello dei Pavesini si sente una camzunciella ,mezza in francese, cantata da un tipo qui s’appelle Chuck Berry un grandissimo, ispiratore dei Beatles e di tutto il Rock moderno.
    Se Funari fa tornare alla memoria un grandioso come Fellini almeno serve a qualcosa.

    Mi piace

  3. biancac ha detto:

    Io non la guardo quasi mai, e decisamente per snobismo, o forse perché è semplicemente un mezzo che non mi interessa.
    I telegiornali sono faziosi e falsi, meglio leggere un po’ di carta stampata a cui posso fare meglio la “tara”, senza immagini che mi stimolano i sensi, le trasmissioni mi fanno pietà, quando va bene.
    La pubblicità invece ogni tnto la guardo, per quanto possa sembrare strano che io accenda il Tv per guardare ciò che la genete aborre. Invece no, la pubblictà è un mezzo di comunicazione che mi affascina, nelle immagini e nelle parole.
    Il fatto che si pubblicizzi una trasmissione con quell’urlataro di Funari mi dice molto, cioè NULLA.

    Mi piace

  4. PaoloFerrucci ha detto:

    Angioletto dalle ali d’argento, lascia perdere la pubblicità: meglio le letture.
    (ti ho nominata in un mio post!)
    🙂

    Mi piace

  5. utente anonimo ha detto:

    *** per non parlare delle solite fantasiose réclames di assorbenti o antidiarroici a un’ora non appropriata… ***

    non commento i blog per sistema ma qui non resisto: chi tiene accesa la TV durante i pasti si merita questo e altro. — Betta

    Mi piace

  6. Titolare ha detto:

    Da una parte gli spot avranno il merito di mntenere vivi ricordi che altrimenti andrebbero perduti.
    Ma è triste constatare che nell’immaginario collettivo alcune splendide musiche di Vangelis siano la reclame della pasta Barilla.
    Massimo

    Mi piace

  7. caterinapin ha detto:

    Per proseguire con le citazioni:
    Molto rumore per nulla…..
    :)))))
    Scherzi a parte, hai ragione la pubblicità e trailer dei programmi mi lasciano spesso interdetta, per dire di peggio.
    Il programma di Funari me lo immagino già, pieno di volgarità, di “romanate” e di urla.
    Non fa per me.
    Cate 😉

    Mi piace

  8. flalia ha detto:

    Ciao Mel. Non riesco a stare senza notizie. Benché la qualità d’informazione dei nostri telegiornali non mi soddisfi granché… Ciao 🙂

    Agomast: è vero! Di solito anch’io tendo a vedere il lato positivo nelle cose, ma a questo non avevo pensato… però un po’ mi dispiace lo stesso. Però è vero che spesso quando sono in un negozio di musica mi capita di sentire persone che chiedono il disco che contiene la tal canzone sentita alla pubblicità…
    Diverso il discorso cinema: se uno non conosce già Amercord non capirà mai la citazione (penserà sia una trovata di Funari…).
    Ciao 🙂

    Bianca: sì, anch’io preferisco la carta stampata ma al tg almeno una volta al giorno non rinuncio, per pura abitudine, credo. La pubblicità spesso mi fa involontariamente ridere e Funari mi guardo bene dal vederlo qualunque cosa faccia… Ciao!

    Paolo: grazie per la nomination (tanto per restare in tema di spazzatura televisiva)! Sì, di sicuro preferisco dei sani libri a qualunque programma televisivo! Ciao 🙂

    Betta: ciao, benvenuta! Hai ragione! Quando sono a tavola con i miei familiari non accendiamo la tv durante il pasto; invece se sono da sola sì, anche perché durante il resto del giorno non ho tempo per guardare le notizie. Ciao, grazie 🙂

    Massimo: ah ah! Pensa che la mia prof. di musica delle medie ci insegnò a suonare la musica della Barilla e come titolo ci fece scrivere sul quaderno in cui l’avevamo trascritta: “Musica Barilla”!

    Mi piace

  9. maggicatrippy ha detto:

    io non guardo la tv da quasi due mesi ormai…
    e sto benissimo.

    Mi piace

  10. ediaco ha detto:

    Bello questo post, e anche il precedente!
    Grazie del passaggio da me, ti auguro una buona settimana!
    E.

    Mi piace

  11. OzzyRotten ha detto:

    Ho visto lo spot. A dire il vero non ho idea di che film sbaffeggi, ma a me non è mai interessato il cinema di Fellini, piuttosto mi irrita il fatto che ‘sto vecchiaccio della malora spupazzi il mio tanto amato “Apocalypse Now”, storpiandolo in “Apocalypse Show”.

    Roba da vera spazzatura.

    Dal Buio

    Mi piace

  12. flalia ha detto:

    Caterina: sì, infatti mi chiedo cosa ci faccia Funari di nuovo in rai, ma non sono problemi miei… 😉

    Trippy: e vorrei anche vedere che lì in Erasmus guardassi anche la tv! 😉

    Ernesto: grazie, e buona settimana anche a te! Ciao 🙂

    Hai ragione, Ozzy! Infervorata per Fellini ho dimenticato che quell’urlone ha “importunato” anche Apocalypse Now! Così ha scontentato i fans di due film diversi in uno spot solo… ;-D

    Mi piace

  13. maggicatrippy ha detto:

    a dire il vero, stasera che sono un po’ malaticcia, mi avrebbe fatto comodo…
    una bella fiction demenziale per assopire la mente…
    buuuuuuuuuuuuuuu

    Mi piace

  14. latendarossa ha detto:

    Ecco me lo sono perso e ora so che non ho niente da rimpiangere. Ma com’è che Funari è passato nel giro di un decennio da personaggio-emblema di certa tv (ti ricordi la parodia di Guzzanti: ‘a mortadella, quant’è bbona…) a conduttore in prima serata su raiuno? Mentre ENZO BIAGI lo danno alle 23.15 capperooo sgrunttttttttt!!!!!!!!

    Mi piace

  15. flalia ha detto:

    Trippy: allora guarisci presto! Se fossi qui ti toccava “Provaci ancora prof. 2” (non dirmi che vorresti ciò!). ;-D

    Eh, Marcello, ricordo la parodia e mi pongo la tua stessa domanda. Ma non so davvero rispondere: un campione di volgarità in prima serata su Rai 1… boh! Ed Enzo Biagi relegato nello sgabuzzino… 😉

    Mi piace

  16. maggicatrippy ha detto:

    no no…
    sto guardando Grillo, per farmi due risate…

    Mi piace

  17. utente anonimo ha detto:

    Ilaria ha ragione! basta inzaccherare il lavoro dei grandi (in questo caso Fellini e Nino Rota) per pubblicizzare cavolate! …non mi piace condividere cose troppo personali…ma è il blog di Ilaria che è una stellina, quindi voglio condividere con lei questo ricordo (e poi mi sa che compaio come anonimo ;)…da piccolo mi convinsi che se quando muori senti la musica di Amarcord…vuol dire che stai andando in paradiso…oggi mi rendo conto che sicuramente non accadrà mai (almeno non a me)…ma ciò non significa che Funari debba sputtanare così un’opera e il ricordo di tale opera…per qualche programmino che verrà cancellato dopo 2 puntate. Cioè…Non poteva usare un video di Britney Spears?

    Mi piace

  18. flalia ha detto:

    Bravo Stefan, mi piace questo tono accorato! Sono perfettamente d’accordo con te. E ricorda che sul mio blog sei libero di dire quello che vuoi! Un bacio :-*

    Trippy: sì meglio Grillo, direi… Ciao!

    Mi piace

  19. GiacominoLosi ha detto:

    coincidenza proprio l’altro giorno parlavo de Gl’impermeabili di Conte.
    Aveva proprio bisogno di farla usare per una pubblicità?

    Mi piace

  20. flalia ha detto:

    Giacomino: a ognuno i suoi dolori… purtroppo! Ciao!

    Mi piace

  21. diegodandrea ha detto:

    Beh, io in teoria non ho un Atteggiamento così netto e duro, soprattutto contro le musiche in pubblicità o certa pubblicità stessa… ad una condizione, il buon gusto (ovviamente soggettivo e quindi, ovviamente, parametrato a me)… ciò detto concordo con te su Funari ma soprattutto…
    ………………………………
    …sulle pubblicità degli assorbenti! Una cosa talemente disgustosa che più di una volta sono rimasto con la forchetta a mezz’aria incapace di continuare a mangiare… una cosa criminale, dovrebbero istituire una fascia protetta per i pasti 😉
    Ciao D

    Mi piace

  22. flalia ha detto:

    Diego: ma infatti dipende anche dal tipo di pubblicità: non tutte sono da buttare: anzi, alcune sono anche spiritose o ben fatte: in tal caso non mi infastidisce più di tanto se utilizzano una musica o citano un film che amo. In questo caso è proprio quel volgarone di Funari che non c’entra niente con Amarcord e mi ha fatto “scattare”!
    Sugli assorbenti ti do ragione, poi tra l’altro sono assurde, cioè non rappresentano la realtà delle donne, che è molto più normale! Ma anche l’Imodium non scherza… o il bambino sul water che si lamenta del cattivo odore… bleah, mi disgusto solo a scriverne, figurati a mangiarci! ;-D

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...