Una provocazione postuma

Adesso vi riferisco questa cosa che a me è molto piaciuta e che è stata raccontata da Vittorio Giardino al convegno su Magnus.                                                   

Ha detto, Giardino, che lui e Magnus una volta stavano scherzando sul fatto (che penso avremo tutti ben presente) che finché un artista è vivo e vegeto in molti lo snobbano, ma appena muore o poco dopo, ecco che chi in vita non lo considerava proprio o, peggio, lo ha anche ostacolato, si slancia in generose commemorazioni: pubblica un languido coccodrillo, rilascia commossi ricordi a solleciti intervistatori, partecipa a convegni vantando antiche amicizie e così via.

E Magnus, scherzando, propose la tal cosa: nel caso uno tema queste sgradite appropriazioni postume della sua persona, potrebbe stilare una bella lista di nomi, metterla in una busta assieme a una certa sommetta di denaro e consegnarla a un notaio dandogli le dovute istruzioni.
A tempo debito, deceduto l’artista, il notaio aguzzerà la vista: ogni qual volta leggerà su un giornale, per esempio, un commosso necrologio o una nostalgica commemorazione del defunto, controllerà la lista: se il nome dell’autore del necrologio vi appare, il notaio provvederà, tramite la sommetta di cui dispone, a far pubblicare su quello stesso giornale un paginone in cui l’artista, dal sepolcro, smentisce la sua presunta amicizia col profittatore Coccodrillone di turno, svergognandolo per bene. E vendetta sia fatta (chi l’ha detto che i morti son tutti buoni?)!

Ovviamente era uno scherzo, una piccola provocazione. Ma devo dire che, dato che anche a me questi fenomeni di sciacallaggio fanno davvero un po’ ribrezzo, mi è rimasta impressa, e non mi dispiacerebbe vederla realizzata, una volta tanto…

Annunci

13 commenti on “Una provocazione postuma”

  1. 403 ha detto:

    mmm… l’idea è dvertente ma la cosa funziona solo con alcuni selezionati nemici, il fatto è che neanche una mente del calibro di Magnus si sarebbe potuto mettere lì a fare una lista di TUTTI i possibili sciacalli: da chi non lo ha mai conosciuto a chi ne disprezzava (in privato) le qualità…
    io Magnus non l’ho mai incontrato e me ne dispiaccio, ma se facessi il furbo e mi mettessi a dire che invece eravamo amiconi, proprio per il fatto che io per lui ero nessuno, resterei impunito perché su quella lista non ci starei proprio… (con tutto che ho lavorato con un suo caro amico, quello che gli disegnava i cavalli, dici che è abbastanza per tirarmela? mmm… no, forse non è abbastanza 🙂

    buona serata

    Mi piace

  2. lauraetlory ha detto:

    Allora siamo in due…
    Ciao, Lory

    Mi piace

  3. PaoloFerrucci ha detto:

    buona notte, Ilaria!

    Mi piace

  4. flalia ha detto:

    403: be’, meglio pochi che nessuno. E poi credo lui si riferisse non tanto a sconosciuti che possano accampare di averlo conosciuto, ma a quei nomi già “famosi” o importanti nel loro ambito che non l’hanno degnato di uno sguardo prima e magari poi, dopo che magari lui li ha pure superati, si fanno belli col suo nome. Eh, no!
    Vendetta! ;-)))
    Buona serata (anzi ormai buonanotte) anche a te 🙂

    Lory: mi fa piacere trovarti d’accordo… ciao! 🙂

    Paolo: ormai non ho più parole per le tue immagini, vorrei solo che diventassero realtà. Davvero!
    Buonanotte e tanti bei sogni…

    Mi piace

  5. Idea geniale. Si può fare, si può fare.

    Mi piace

  6. flalia ha detto:

    Davide: vero? Anche a me è parsa geniale. Ciao 🙂

    Mi piace

  7. latendarossa ha detto:

    Magnus sapeva provocare, e ci riusciva benissimo. Come artista non era uno dei miei disegnatori preferiti (Giardino ad es. mi piace di più, ma de gustibus, lo so) però l’idea è stupenda. Hemingway lesse non so quante volte il proprio necrologio suoi giornali: lo davano per spacciato e lui invece magari si era rotto solo qualche osso, però dev’essere stata una bellissima sensazione, leggere gli adii di amici e no :))

    Mi piace

  8. lo_struzzo_nero ha detto:

    Spero che Morrissey e il mio nuovo post siano di Tuo gradimento.

    smk

    Mi piace

  9. diegodandrea ha detto:

    Ecco, una bella idea per passare sghignazzando a miglior vita 🙂
    Ciao D

    Mi piace

  10. Oscaruzzo ha detto:

    Io invece, molto poeticamente, vorrei essere cremato al mio decesso. E poi vorrei che, con un elicottero, le mie ceneri venissero sparse su una serie di indirizzi da me stilata. Ovviamente indirizzi di persone che mi stavano sulle balle 😛

    Mi piace

  11. ondalungablu ha detto:

    condivido perfettamente il pensiero dei due…la mia esperienza concorda…”nessuno pianga sulla mia tomba o prenderò i vostri fazzoletti” sarà il mio necrologio

    Mi piace

  12. flalia ha detto:

    Tendarossa: è vero! Tipo quella fantasia di assistere al proprio funerale! Ciao!

    Struzzo: gradito la musica e commentato il post. C’è sempre della peluria fuori posto nei tuoi post: pelati con parrucchini e donne baffute… Ciao!

    Diego: vero? Un po’ di humour non guasta mai. Spero che tu stia meglio. Ciao :-*

    Oscaruzzo: un plauso per te! Anche questa, come vendetta, non è niente male… (però mi spiacerebbe “sprecare” così le mie ceneri…)
    Ciao 🙂

    Onda: pure la minaccia post mortem, ci sta! Ciao, grazie 🙂

    Mi piace

  13. biancac ha detto:

    Eppure io conosco alcune persone che asseriscono di averlo incontrato e di avere trascorso del tempo con lui…ne dubito, ma talvolta penso che se a qualcuno fa piacere un momento di gloria strasversale, seppur falso, che male c’è…
    cmq l’idea era fantastica…

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...