Il potere di una Moleskine

Nella maggior parte delle librerie che frequento, accanto alle casse, ci sono pile di Moleskine di tutti i formati e un cartello che recita: Moleskine, il leggendario taccuino degli artisti e intellettuali europei: da Van Gogh a Picasso, da Hemingway a Chatwin!

Bene, – dico io – e allora?

Cioè, se lo uso divento come Hemingway? Mi viene instillato il genio di Van Gogh?

Precisiamo, non ho nulla contro il Moleskine in sé, anzi esteticamente mi piace nella sua austera essenzialità.

È la logica (o meglio l’illogicità) del messaggio che mi irrita. La trovo pericolosamente aderente al sottotesto del nostro attuale modo di vivere: non sei Hemingway ma se ti atteggi come lui forse qualcuno ci crede. Non hai una briciola di genio o di talento ma se ti vesti e ti comporti in modo abbastanza trasandato e affascinante nessuno se ne accorgerà. E se anche nessuno ci casca, ci caschi tu: cavolo, hai un Moleskine, qualcosa significherà. No?

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...