Va’ dove ti porta il cuore… cioè nei guai!

 

Tornando a Madame Bovary, Rodolphe, nel tentativo di sedurre quella sciocca di Emma, usa argomenti che oggi vanno per la maggiore, tipo: la felicità esiste, basta seguire il cuore; i doveri, il matrimonio… sono tutte stupide convenzioni, bisogna fregarsene in nome dei propri sogni, animati solo dalla passione… facendo così agiremo bene in ogni caso! (Della serie: “Quel che conta è essere se stessi”!).
Chi, oggi, non sarebbe d’accordo? Peccato che, nel romanzo, colui che usa queste argomentazioni è un cinico farabutto; egli stesso, parlando tra sé e sé, aveva pianificato tutto: dicendo a quella stupidina della moglie del dottore qualcuna di quelle belle paroline romantiche che fanno presa sui cuoricini molli di tante donnicciuole ingenue e vanesie come lei, l’avrebbe avuta ai suoi piedi!
Mi sembra un paradosso sul quale riflettere.


Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...